domenica 23 marzo 2014

Tarte alle fragole e crema alla ratafià


Un pò di sole primaverile e le prime fragole sui banconi del mercato, questi sono gli elementi per la creazione di questo fine settimana; una tarte di frolla con crema pasticcera aromatizzata alla ratafià, uno straordinario liquore di visciole, e fragole!

Ingredienti
Stampo da 20 cm
Per la frolla
250 g farina 00
100 g zucchero a velo
150 burro freddo 
40 g tuorli
1 pizzico di sale
1 limone grattuggiato
Per la crema pasticcera alla ratafià
250 ml latte intero
80 g zucchero semolato
60 g tuorlo
20 g ratafià
20 g farina 00
1 pizzico di sale
Per la finitura 
q.b. fragole
q.b. gelatina all'albicocca

Procedimento
Per la frolla: versate in un recipiente capiente la farina, il burro freddo a pezzetti, il pizzico di sale ed il limone grattugiato. Con la punta delle dita sbriciolate il burro e fategli assorbire la farina; una volta ottenuta un specie di sabbia aggiungete i tuorli e lo zucchero a velo e continuate ad impastare delicatamente fino ad ottenere un panetto che dovete coprire con pellicola e far riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Per la crema: mettete sul fuoco moderato il latte che dovrà arrivare a bollore; nel frattempo sbattete i tuorli con lo zucchero ed il sale fino ad ottenete un composto chiaro e molto spumoso, aggiungete la farina ed in ultimo la ratafià. Versate il composto di tuorli sul latte e sbattete energicamente con una frusta fino a quando la crema non si sarà addensata. Versatela in un contenitore e fatela freddare completamente con della pellicola a contatto.
Stendete la frolla sullo stampo da crostata dello spessore di circa 7 mm e cuocetela a vuoto nel forno già caldo per 30 minuti. A fine cottura fatela freddare e poi sformatela dallo stampo.
Quando tutti gli ingredienti sono freddi potete stendere sulla frolla lo strato di crema e mettere sopra le fragole come meglio preferite.
Riponete la tarte in frigorifero per almeno 30 minuti e poi passate la gelatina per lucidarla.
Prima di servirla fatela riposare per 2 ore.



Suggerimenti
Se durante l'impasto della frolla questa vi sembrerà troppo sciolta riponetela per 10 minuti in freezer e poi continuate ad impastare!
Il bollore corretto per la crema deve essere leggero e per evitare i grumi non dovete mai smettere di sbattere!
Per la cottura a vuoto della frolla ricordate di mettere dei fagioli o del riso sulla frolla con un foglio di carta forno per evitare che si gonfi in cottura!
Per la lucidatura potete usare ciò che preferite, io uso una gelatina preconfezionata all'albicocca che va sciolta in un poco di acqua calda, molto veloce e meno insapore della classica colla di pesce!
La stessa preparazione può essere fatta con tutta la frutta che preferite e volendo potete anche fare creme aromatizzate in modo diverso, altri abbinamenti da me collaudati sono crema al maraschino e ciliegie, crema al rhum e albicocche, crema allo strega e frutta varia!

1 commento:

  1. E' bellissima, degna di una pasticceria! Sei bravissimo

    RispondiElimina